Le migliori risorse per realizzare un sito in WordPress

strumenti WordPress

WordPress è uno dei CMS più diffusi ed apprezzati, e in effetti presenta molti vantaggi rispetto ad altre soluzioni, ad esempio la sua installazione è molto semplice e rapida, e grazie a temi e plugin, spesso gratuiti, è possibile personalizzarlo ed adattarlo alle più diverse esigenze.

Con WordPress, ad esempio, è possibile creare un blog, un magazine online, un sito portfolio, una community, un e-commerce e molto altro ancora. Ci sono un’infinità di cose che si potrebbero dire su WordPress, in questo post ho deciso di raccogliere alcune risorse che ritendo utili per chi desidera approfondire la conoscenza di questo CMS, e magari provare a realizzare il proprio sito proprio con questo strumento.

Risorse utili per realizzare un sito in WordPress

Libri, ebook, video corsi e siti utili per documentarsi

Quello di WordPress è un mondo in continua evoluzione, per cercare di restare sempre al passo con i tempi è quindi molto importante documentarsi.

Ecco una piccola selezione di libri e risorse online grazie alle quali avvicinarsi a questo CMS e a tutto quello che gli ruota attorno.

Iniziamo con 4 manuali:

  • Creare blog e siti web con WordPress di Tiziano Fogliata
  • La guida completa. Creare blog e siti professionali di Bonaventura Di Bello
  • Sviluppare con WordPress di Thord D. Hedengren
  • Guida WordPress per principianti di Daniele Imperi (ebook gratuito)

Naturalmente il problema dei libri dedicati a software e simili è che diventano datati in modo molto rapido, ma possono comunque dare spunti utili.

Per un aggiornamento continuo meglio forse guardare ai siti web, in primis proprio it.wordpress.org, dal quale potete scaricare il CMS e moltissimi temi e plugin gratuiti. Il sito è inoltre una miniera di informazioni sempre aggiornatissime.

Altre valide guide nella nostra lingua le trovate su: wptutorial.it e guidawordpress.it.

Video tutorial WordPress

Qui sotto trovate il primo di una serie di video che vi aiutano a muovere i primi passi con WordPress.

Se vi va date un’occhiata anche alla mia playlist su YouTube, dedicata a WordPress.

I migliori temi per WordPress

Dopo che vi sarete documentati, e avrete capito quanto è facile installare WordPress, verrà il momento di configurarlo in base alle vostre esigenze e preferenze.

Un aspetto molto importante riguarda la grafica che darete al vostro sito, un design pulito e professionale può fare molto per la vostra credibilità.

Se non siete dei designer esperti nessun problemi, esistono tantissimi differenti temi gratuiti e anche ottimi temi a pagamento, detti premium.

Alcune dei migliori temi premium in circolazione sono in vendita, in genere per poche decine di dollari, sul sito themeforest.net. Su questo sito, divisi in categorie, trovate tanti temi per WordPress e per gli altri più noti CMS, oltre a plugin e molte altre risorse. Se non siete molto a vostro agio con la lingua inglese vi consiglio anche il sito temiwordpress.com, sul quale trovate una selezione dei migliori temi venduti da Themeforest, ma con tutte le caratteristiche salienti descritte nella nostra lingua.

Caratteristiche da verificare sempre prima di installare un tema

  • Se è un tema gratuito attenzione che non vi siano link nascosti o altre brutte sorprese
  • Sia in caso di temi gratuiti che a pagamento verificate che siano responsive
  • Verificate sempre che il tema che vi piace sia compatibile con l’ultima versione di WordPress, e con i plugin di cui avete bisogno

Consigli e plugin per la sicurezza di WordPress

WordPress è, come ho già detto, uno dei CMS più diffusi, questo può metterne a rischio la sicurezza. Molti malintenzionati infatti cercano quotidianamente di violarne il codice, per infettare i vostri siti con malware, o fare altre porcherie.

Spesso, va detto, le vulnerabilità non stanno nel cuore del CMS, che comunque è sempre bene tenere aggiornato, ma in alcuni temi o plugin. Anche per questo, oltre che per una razionalizzazione delle risorse, sarebbe consigliabile ridurre il numero di plugin, evitando di usarli per ogni cosa. Molte funzionalità possono anche essere implementate o modificate con piccoli interventi sul tema.

Ci sono vari accorgimenti per aumentare la sicurezza di WordPress, ad esempio non usare wp_ come prefisso delle tabelle, non usare admin come nome dell’amministratore, e scegliere una password complessa.

Ci sono poi varie impostazione e procedure, descritte a questi link:

Naturalmente non mancano anche i plugin dedicati alla sicurezza, nel tempo ne ho provati vari, ultimamente ho scoperto Anti-Malware and Brute-Force Security by ELI che considero molto valido.

Questo strumento, del tutto gratuito (anche se una donazione allo sviluppatore è gradita), effettua una scansione completa di WordPress cercando malware, iniezioni di codice e altri problemi, e cosa ancor più importante, una volta che li individua, può anche rimuoverli in modo molto efficace.

L’unico inconveniente è che la scansione è piuttosto lunga, in particolare se usate molti plugin, e quindi può risultare pesante per il vostro server, meglio farla in orari nei quali avete poco traffico.

Concludo con il video qui sotto, nel quale parlo di Block Bad Queries, un plugin che vi può aiutare se il vostro sito viene bombardato da richieste provenienti dagli angoli più lontani della terra.

Su WordPress si potrebbe dire moltissimo altro, ma non vorrei dilungarmi ulteriormente, tornerò sull’argomento con futuri post.