Nuove tecnologie e formazione

tablet_for_childrenHo sempre pensato che le nuove tecnologie potessero migliorare molteplici aspetti della nostra vita, tra questi anche la formazione.

Parlo sia della formazione scolastica che di quella “continua” di cui si sente sempre di più l’esigenza, in particolare per professionisti e lavoratori autonomi, oltre che per tutti quelli che operano in settori in rapida evoluzione.

I supporti tecnologici possono aiutare moltissimo la formazione, ad esempio in ambito scolastico. Si pensi agli ebook, che tra le altre cose risolvono l’annosa questione degli zainetti stracolmi e della scogliosi, che ne deriva, tema molto caldo quando negli anni ’80 facevo le elementari. Allora si pensava di risolverlo stampando i libri in una sorta di “carta velina”.

Oggi su un e-reader o un tablet, sempre meno costosi, possiamo tenere un’intera biblioteca, inoltre abbiamo la possibilità di visualizzarci video, ascoltarci file audio, e di collegarci ad Internet per effettuare ricerche, condividere informazioni e molto altro. Cose che pochi anni fa sarebbero sembrate fantascienza.

Pensiamo a come il dvd, con la possibilità di selezionare diverse lingue e sottotitoli, possa aiutare nell’apprendimento delle lingue, e come il formato epub3, che permette di leggere ed ascoltare contemporaneamente un testo, permetta di memorizzarlo meglio, ed apprezzarne le più diverse sfumature.

In particolare di questi aspetti, ovvero dei benefici della “Lettura + Ascolto” ho parlato in un mio recente articolo pubblicato su Audiolibri.info, che vi invito a leggere, se ne avete voglia, seguendo questo link.

Il testo nasce in primis da una collaborazione che ho avviato anni fa con Il Narratore, editore specializzato in audiolibri, e si tratta di mie riflessioni sul libro “Lettura+Ascolto. Come migliorare l’apprendimento linguistico, emotivo ed empatico con gli audiolibri” di Maurizio Falghera.