Preventivo SEO: quanto costa un blog aziendale

preventivo blog aziendale

I blog sono morti, la link building è morta, i forum sono morti, la SEO è morta, i Social moriranno presto e neanche io mi sento tanto bene… Ciclicamente c’è chi dice che i blog (e non solo) sono destinati all’oblio, forse un giorno effettivamente questo avverrà, ma per ora, credete a me, godono ancora di buona salute, a patto che siano fatti come si deve, e che “sconfinino” sapientemente nei Social Network. Spesso infatti discussioni nate sui social possono diventare un post sul blog, o dal blog si più partire per avviare interazioni sociali.

Facebook, Twitter & Co. possono essere una cassa di risonanza importante per un blog, diffonderne e amplificarne i messaggi, ma attenzione a non trattarli da servi, sono strumenti con una loro dignità, e personalità.

Veniamo al dunque, i blog non sono morti, e non stanno neanche per farlo, nonostante molti affermino il contrario. I blog, per me, e non solo per me, possono diventare strumenti importanti nella comunicazione online, e anche sul piano dell’ottimizzazione.

Spesso, quando mi chiedono un preventivo SEO, includo anche la realizzazione, e l’aggiornamento di un blog. Lo faccio per vari motivi, eccone alcuni.

  • Il blog permette di creare facilmente nuovi contenuti da “dare in pasto” ai motori di ricerca
  • Il blog permette di creare collegamenti a pagine che vogliamo “spingere” come quelle del nostro prodotto o servizio di punta
  • Il blog è uno strumento comodo per comunicare con potenziali clienti, e chiunque sia interessato a quello che facciamo

Il blog non serve solo alla SEO, è uno strumento importante, e la maggior parte delle aziende penso possa trarre benefici dall’averne uno, a patto che ria curato e aggiornato.

Parliamo quindi di cifre, quanto costa mettere in piedi e, soprattutto, tenere aggiornato un blog aziendale. La spesa è decisamente abbordabile, sempre che non stiate già fallendo. I benefici, come detto, sono notevoli.

Dare delle cifre in questa sede sarebbe poco serio, molto dipende dalla tipologia di contenuti, da come sono strutturati, e naturalmente dalla frequenza di aggiornamento degli stessi. Un post a settimana da 100 parole per il blog di un albergo non costa certo come un post al giorno, da mille parole per un’azienda che realizza componenti elettronici.

Il blog di un’azienda, così come i profili social della stessa possono essere poi, in tutto o in parte, gestiti da una risorsa interna, ma qui il discorso si complica ulteriormente, e non sempre rappresenta un risparmio, visto che la risorsa va opportunamente formata.

Per studiare una strategia, e fare un preventivo su misura, bisogna confrontarsi e definire degli obbiettivi, per questo vi invito a contattarmi, senza nessun impegno.